Ruvo di Puglia. Sabato 28 Luglio è di scena il Merletto a Tombolo
Archiviato in: Iniziative Culturali

L’antica arte del silenzio: il tombolo. Cucire lo sguardo tra arte e territorio

La Cattedrale di Ruvo di Puglia (foto Pro Loco-UNPLI)

La Cattedrale di Ruvo di Puglia (foto Pro Loco-UNPLI)

Come può un filo di cotone trasformarsi in una sinfonia di forme e intrecci? Il tombolo è l’arte dell’intreccio di fili continui grazie all’uso di fuselli sui quali è arrotolato il filo. Per secoli le sapienti mani di donne hanno intrecciato fili, creando dei capolavori di perfezione: i merletti a tombolo. Continua a leggere “Ruvo di Puglia. Sabato 28 Luglio è di scena il Merletto a Tombolo”…

BISCEGLIE 15 GIORNI GRUPPO FACEBOOK

BARI. OPERAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO: 21 GLI ARRESTI DEL CLAN “CAPRIATI”. COINVOLTO ANCHE UN BISCEGLIESE
Archiviato in: Cronaca

pattuglie-polizia

Nella mattinata odierna, a Bari, ed altre località della provincia, a conclusione di un’articolata attività investigativa, coordinata da questa Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dalla Squadra Mobile di Bari, è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ai domiciliari e all’obbligo di dimora, nei confronti dei sottoelencati soggetti, esponenti di rilievo ed appartenenti al clan “Capriati”.

GUARDA IL VIDEO: aqs50za6p0l0g1yd

Custodia cautelare in carcere:

1)     CAPRIATI Filippo, nato a Bari, di anni 47;

2)     CAPRIATI Pietro, nato a Bari, di anni 45;

3)     ANACLERIO Paolo Emanuele, nato a Bari, di anni 33;

4)     ARCIULI Michele, nato a Bari, di anni 38, in atto detenuto;

5)     ARCIULI Michele, nato a Bari, di anni 46;

6)     BORGIA Matteo, nato a Bari, di anni 30;

7)     COLASUONNO Francesco, nato a Bitonto (BA), di anni 31, in atto detenuto;

8)     D’ALTERIO Salvatore, alias “Sasà”, nato a Napoli, di anni 38;

9)     LORUSSO Gaetano, alias “Nino la bionda”, nato a Bari, di anni 51;

10) PANZA Pasquale, nato a Bari, di anni 52;

11) PAPPAGALLO Giuseppe, nato a Bari, di anni 30, in atto detenuto;

12) PAPPAGALLO Saverio, nato a Bari, di anni 47, in atto detenuto;

13) RECCHIA Carmelo, nato a Castellana Grotte (BA), di anni 42;

Custodia cautelare agli arresti domiciliari:

14) COTRUFO Vito Antonio, nato a Bitonto (BA), di anni 43;

15) D’ADDABBO Giuseppe, nato a Bari, di anni 47;

16) MAURELLI Vito, nato a Modugno (BA), di anni 58;

17) PIPERIS Nicola, nato a Bari, di anni 43;

Obbligo di dimora

18) LOSETO Nunzia, nata a Bari, di anni 49;

Misure congiunte dell’obbligo di dimora e della presentazione quotidiana alla P.G.:

19) GROTTONE Giuseppe, nato a Grumo Appula (BA), di anni 27;

20) VALENTE Giulio, nato a Bisceglie (BAT), di anni 36.

I predetti sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso e dall’uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate, associazione per delinquere, aggravata, finalizzata alla perpetrazione di furti.  

Le indagini, condotte dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile, hanno interessato i componenti del clan “Capriati”, operante in posizione dominante nei quartieri “Murat”, “Città Vecchia” e “Carrassi” di Bari oltre che in alcuni comuni del nord barese, diretta dal pregiudicato Capriati Filippo.

Quest’ultimo, avvalendosi di numerosi soggetti, tra cui il fratello Pietro, ha organizzato, diretto e preso parte ad un’articolazione per delinquere armata, di tipo camorristico mafioso, finalizzata alla commissione di più delitti contro il patrimonio, la persona, l’ordine e la sicurezza pubblica, l’industria ed il commercio oltre che delitti concernenti il traffico e lo spaccio di stupefacenti e le armi, al fine di acquisire la gestione o comunque il controllo di attività economiche nell’area metropolitana di Bari.

In particolare, nel corso dell’indagine è emerso che la predetta organizzazione, con la forza dell’intimidazione, ha acquisito, attraverso una società, il controllo del servizio di assistenza e viabilità, connesso ai traffici  ed alle operazioni portuali, all’interno del porto di Bari; ha imposto l’acquisto di merci a diversi commercianti operanti nel quartiere “Carrassi” di Bari oltre che in alcuni comuni limitrofi ed ha imposto ai commercianti delle feste patronali (quale la Sagra per la Festa di San Nicola) l’acquisto di merci; si è rifornita di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente da differenti canali di approvvigionamento, in particolare dalla Campania, trafficando cospicue forniture di cocaina, hashish, marijuana ed eroina destinate allo spaccio al dettaglio.

È stata altresì individuata un’associazione a delinquere finalizzata alla realizzazione di furti che ha portato a compimento numerosi delitti sia nel sud della Puglia, sia in diverse aree della Basilicata, in danno di grosse aziende commerciali.

Nel corso delle investigazioni sono stati sequestrati ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, nonché un fucile mitragliatore, un fucile a canne mozze e 10 pistole, oltre a numeroso munizionamento, e recuperata parte della refurtiva.

AL VILLAGGIO CONTADINO DELLA COLDIRETTI
Archiviato in: Cronaca
piazza ferrareseDal 27 al 29 aprile su Piazza del Ferrarese e
sul Lungomare Imperatore Augusto
Per tre giorni Bari sarà la capitale dell’agricoltura italiana

Continua a leggere “AL VILLAGGIO CONTADINO DELLA COLDIRETTI”…

«I VOLTI DELLA VIOLENZA A TEATRO» TORNA A BISCEGLIE NELLA RASSEGNA LETTERARIA DEL ROTARY CLUB
Archiviato in: Iniziative Culturali

locandina i volti della violenza sinigagliaLa compagniAurea e Francesco Sinigaglia tornano a presentare lo scritto letterario “I volti della violenza a teatro”, edit. TraLeRighe Libri Lucca (2017), a Bisceglie, presso la sala congressi dell’Hotel Salsello, in via V. Siciliani 41, giovedì 12 aprile 2018, a partire dalle ore 20:00, nell’ambito del cartellone dedicato ai libri, programmato dal Club Rotary cittadino. 


Il Rotary Club Bisceglie, presieduto dall’arch. Pierpaolo Sinigaglia, infatti, sceglie di continuare nella promozione di eventi che possano favorire la sensibilizzazione culturale del territorio attraverso la letteratura. Proseguendo sul fil rouge degli argomenti per combattere il femminicidio, tema affrontato anche nel corso del forum “Emergenza violenza contro le donne” dello scorso 22 marzo, l’associazione biscegliese offre un nuovo contributo per riflettere sui grandi problemi della società contemporanea.

Francesco Sinigaglia, dunque, racconta, a seguito del successo dell’ultima tappa presso il Cineporto di Bari di Apulia Film Commission, in un lavoro di critica letteraria teatrale, trame di violenza che, dal Cinquecento ad oggi, hanno calcato le assi sceniche.

Saranno presentate, durante l’incontro, delle letture a cura dell’attrice della compagniAurea Camilla Sinigaglia e si vedrà inaugurare la felice collaborazione del gruppo teatrale con due giovani promesse della cultura biscegliese, Sarah Di Pinto e Giovanni Recchia. A moderare il meeting sarà l’attrice Sabrina Papagni.

L’opera, I volti della violenza a teatro, sciorina il delicato e scomodo tema della violenza applicato alla scena teatrale sulla base dell’immediata rappresentazione e mimesi attoriale sul piano della letteratura teatrale italiana e europea, che ha da sempre affascinato, e spesse volte incantato, autori e drammaturghi nel corso della storia. Scrittori e letterati, calati nel loro preciso contesto storico, si sono dovuti confrontare con i propri obiettivi poetici e con la tradizione teatrale, sin dalla lectio di Aristotele e dal discorso di Poetica. La tragedia, nel corso del Cinquecento, possiede per ogni pertinente livello un elevato grado di astrazione che l’allontana dalla vita concreta e reale, dalla verosimiglianza. Il contesto teatrale novecentesco, ed in particolare quello in cui Pirandello va inserendosi, che prosegue la trattazione della violenza a teatro, invece, è quello del dramma borghese. Nell’approccio analitico al teatro contemporaneo, poi, il discorso relativo al tema della violenza nel particolare fa riferimento alla figura della scrittrice Dacia Maraini.

L’evento del Rotary Club, organizzato in sintonia con la compagniAurea, attesta, inoltre, la collaborazione della S.O.M.S. Roma Intangibile di Bisceglie, della Fondazione DCL e della casa editrice lucchese TraLeRighe.

E’ possibile reperire I volti della violenza a teatro nelle maggiori librerie italiane. A Bisceglie, presso libreria Mondadori – Vecchie Segherie o Cartolibreria Piave. E’ disponibile anche online al link:  https://www.ibs.it/i-volti-della-violenza-a-teatro-libro-francesco-sinigaglia/e/9788899141967?tipo=nuovo&lgw_code=1122-B9788899141967&gclid=CjwKCAjw4KvPBRBeEiwAIqCB-RjL7E8nPVAlCa5gX39hsPYgmRF94-cALltDHLCjK5AVTK97Lr3vLRoCxsYQAvD_BwE

La città è invitata a prendervi parte liberamente perché libera è la cultura.

Operazione “Bad Teacher”. La Digos di Foggia ha arrestato cittadino di origini egiziane: indottrinava i giovani all’ISIS
Archiviato in: Cronaca

Foggia

Foggia

Nell’ambito del procedimento penale nr. 12855/16 della Procura Distrettuale di Bari, per la prevenzione ed il contrasto del terrorismo internazionale di matrice islamica riconducibile all’ISIS, nelle prime ore della mattinata odierna, la Polizia di Stato – Digos delle Questure di Bari e Foggia – in collaborazione con la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, ha dato esecuzione ad una misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Bari,  per i reati di cui agli artt. 270 bis, 1^ e 2^ comma, e 414, 3^ e 4^ comma C.P., nei confronti di A. R., 60enne cittadino italiano di origini egiziane residente a Foggia.

GUARDA IL VIDEO: 8vpdcbbf1nbxm6w4 Continua a leggere “Operazione “Bad Teacher”. La Digos di Foggia ha arrestato cittadino di origini egiziane: indottrinava i giovani all’ISIS”…

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS