BISCEGLIE 15 GIORNI GRUPPO FACEBOOK

Barletta. Al Teatro”Curci” in esclusiva l’Orchestra di Piazza Vittorio
Archiviato in: Appuntamenti,Spettacolo

IL GIRO DEL MONDO IN 80 MINUTI-1Domenica 12 marzo presso il Teatro Curci per la 33.ma Stagione dell’Associazione Cultura e Musica “G. Curci”

In esclusiva regionale , per l’Associazione Cultura e Musica “G. Curci” di Barletta, nell’ambito della 33.ma Stagione Concertistica, domenica, 12 marzo con porta alle ore 18,00 e inizio alle ore 18,30, appuntamento attesissimo con la pù  famosa orchestra multietnica , l’Orchestra di Piazza Vittorio,  che racconta un ideale viaggio di 80 minuti, intorno al mondo, attraverso gli uomini, gli artisti e le loro musiche.

L’Orchestra di Piazza Vittorio, con Il Giro del Mondo in 80 minuti, direzione artistica e musicale di Mario Tronco. Produzione artistica e arrangiamenti Mario Tronco, Pino Pecorelli, Leandro Piccioni. Drammaturgia: Mario Tronco, Giulia Steigerwalt, Daniele Spanò, vuole riconfermare , dopo il grandioso successo riscosso negli ultimi anni con Il Flauto Magico secondo L’Orchestra di Piazza Vittorio, la sua capacità di sintetizzare in un racconto fiabesco, la ricchezza della multietnicità.

Doveva succedere, prima o poi. In fondo l’Orchestra Multietnica di Piazza Vittorio è di per sé un viaggio intorno al mondo, sempre e comunque, forte di quella sorprendente ricchezza offerta dalla sua originale e irripetibile storia. Nata simbolicamente, ma anche letteralmente intorno a quella piazza che è un crocevia di lingue e nazionalità, l’orchestra diretta da Mario Tronco è una voce altra, che rispecchia le singole personalità dei musicisti, col loro carico di retaggi diversi, a volte anche molto lontani tra di loro, ma che alla fine crea un mondo a se stante che è la sintesi di tutte le lingue, di tutte le nazionalità.

Sulla nave in partenza verso l’ignoto si imbarcano i musicisti dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Ad accoglierli con le loro valigie cariche di oggetti, suoni e ricordi, Mario Tronco il loro condottiero/comandante. I viaggiatori in partenza si apprestano a raccontare il mondo attraverso le musica e le loro vicende.
E’ notte sulla banchina del porto di Belesh illuminata dalla sola luna, è ormeggiata una zattera. L’equipaggio suona una canzone dolce, cantata da una donna con un abito rosso luccicante, sembra appena scappata da un party, canta per tenersi sveglia. “Non voglio dormire, voglio solo abbracciarti e sognare”. In penombra, un ragazzo africano dall’aspetto principesco, osserva la scena e si unisce al suo canto sottovoce per non farsi scoprire e quella cosa che ha in mano, che sembra una canna da pesca, inizia a suonare.
Siamo al giorno seguente, un uomo vestito da Gladiatore legge un annuncio: “Alle 21,00 di oggi parte una barca per un lungo e meraviglioso viaggio dalla meta sconosciuta, il biglietto è gratuito, l’unica condizione per potersi imbarcare e portare con se una canzone. Un solo bagaglio è consentito”.
Simon, così si chiama l’uomo, guarda l’orologio e si accorge che mancano soltanto 80 minuti. Ha pochissimo tempo, il suo sogno è partire, ma non ha nulla con sé. Solo il suo abito da lavoro. Lavora al Colosseo fa le foto con i turisti vestito da Gladiatore, quel viaggio è la sua occasione.
Intanto al porto è quasi il tramonto e sulla zattera si lavora per la partenza. Iniziano ad arrivare i primi viaggiatori.
Un giovane cubano con una valigia alta due metri da cui escono musicisti. Due arabi che cercano di corrompere il capitano per imbarcare più valige. Un improbabile cantante di tango. Uno scettico indio. Un africano con una piccolissima valigia magica grazie alla quale riesce a cantare in qualsiasi lingua. Ognuno di loro ha qualcosa di straordinario dentro la valigia. Questa è una storia allo stesso tempo fantasiosa e autobiografica, in cui l’Orchestra di Piazza Vittorio si racconterà attraverso il suo modo di fare e pensare la musica. Si possono percorrere milioni di chilometri in una vita, senza mai scalfire la superficie della vita stessa, ne imparare nulla dalle genti sfiorate. Il senso del viaggio sta nel fermarsi ad ascoltare, chiunque abbia una storia da raccontare.
In tutto questo, Simon ce la farà ad arrivare in tempo?

Il nuovo, attesissimo spettacolo dell’Orchestra vi incanterà con le sue musiche originali, la suggestiva scenografia ed i meravigliosi costumi di scena. Un perfetto meccanismo ad orologeria, uno spettacolo vivace, allegro e colorato, denso di ritmi ed emozioni, che accompagneranno lo spettatore in questo ideale giro del mondo dal quale non vorrete più tornare!

Per informazioni tel. 0883/528026 – 380 3454431 info@culturaemusica.it ; www.culturaemusica.it; www.facebook.com/asscurci; @asscurci –  Botteghino Teatro Curci  0883 332456 


Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS